SINÀN CAPUDÀN PASCIÀ - Fabrizio De Andrè
5:34
203,745
FaberZenaFaber
Reddit
1984. Creuza de mä
Sinàn Capudàn Pascià è la canzone di un arrivista, un arrampicatore sociale. È la storia di un marinaio genovese della fine del '400 che davanti a Tunisi si scontrò, insieme alla flotta della sua città, con i turchi e, invece di combattere, buttò la spada a terra. Si chiamava Cicala: in genovese Çigä. Dopo essere stato fatto prigioniero e messo ai remi, si convertì all'Islam e diventò lo stuoino del Bey, autorità religiosa e politica del mondo saraceno. Siccome aveva diciannove anni e pare non fosse disgustoso, gli toccò anche qualche lavoretto repellente. Pare che sia riuscito a diventare, attraverso i suoi servizi, Gran Visir e Serraschiere del Sultano di Costantinopoli. Qualcuno dirà che è un voltagabbana; e in effetti lo è, ma lui si difende: "Sì, chiamatemi pure rinnegato, ma tutto quest'argento, quest'oro, chi l'avrebbe fatto luccicare al sole? E questo, semplicemente per aver bestemmiato Maometto, al posto del Signore".
[Presentando il brano al Palasport di Treviglio, 24/3/1997]
SINÁN CAPUDÁN PASCIÁ
(Marinaio genovese catturato dai Mori nel XV secolo e
diventato poi Gran Visir con il nome di Sinán Capudán Pasciá)
Teste fascië 'nscià galéa
ë sciabbre se zeugan a lûn-a
a mæ a l'è restà duv'a a l'éa
pe nu remenalu ä furtûn-a
Teste fasciate sulla galea
le sciabole si giocano la luna
la mia è rimasta dov'era
per non stuzzicare la fortuna
intu mezu du mä
gh'è 'n pesciu tundu
che quandu u vedde ë brûtte
u va 'nsciù fundu
in mezzo al mare
c'è un pesce tondo
che quando vede le brutte
va sul fondo
intu mezu du mä
gh'è 'n pesciu palla
che quandu u vedde ë belle
u vegne a galla
in mezzo al mare
c'è un pesce palla
che quando vede le belle
viene a galla
E au postu d'i anni ch'ean dedexenueve
se sun piggiaë ë gambe e a mæ brasse neuve
d'allua a cansún l'à cantà u tambûu
e u lou s'è gangiou in travaggiu dûu
E al posto degli anni che erano diciannove
si sono presi le gambe e le mie braccia
da allora la canzone l'ha cantata il tamburo
e il lavoro è diventato fatica
vuga t'è da vugâ prexuné
e spuncia spuncia u remu fin au pë
vuga t'è da vugâ turtaiéu
e tia tia u remmu fin a u cheu
voga devi vogare prigioniero
e spingi spingi il remo fino al piede
voga devi vogare imbuto (= mangione)
e tira tira il remo fino al cuore
e questa a l'è a ma stöia
e t'ä veuggiu cuntâ
'n po' primma ch'à vegiàià
a me peste 'ntu murtä
e questa è la mia storia
e te la voglio raccontare
un po' prima che la vecchiaia
mi pesti nel mortaio
e questa a l'è a memöia
a memöia du Cigä
ma 'nsci libbri de stöia
Sinán Capudán Pasciá
e questa è la memoria
la memoria del Cicala
ma sui libri di storia
Sinán Capudán Pasciá
E suttu u timun du gran cäru
c'u muru 'nte 'n broddu de fàru
'na neutte ch'u freidu u te morde
u te giàscia u te spûa e u te remorde
e sotto il timone del gran carro
con la faccia in un brodo di farro
una notte che il freddo ti morde
ti mastica ti sputa e ti rimorde
e u Bey assettòu u pensa ä Mecca
e u vedde ë Urì 'nsce 'na secca
ghe giu u timùn a lebecciu
sarvàndughe a vitta e u sciabeccu
e il Bey seduto pensa alla Mecca
e vede le Uri su una secca
gli giro il timone a libeccio
salvandogli la vita e lo sciabecco
amü me bell'amü
a sfurtûn-a a l'è 'n grifun
ch'u gia 'ngiu ä testa du belinun
amü me bell'amü
amore mio bell'amore
la sfortuna è un avvoltoio
che gira intorno alla testa dell'imbecille
amore mio bell'amore
a sfurtûn-a a l'è 'n belin
ch'ù xeua 'ngiu au cû ciû vixín
e questa a l'è a ma stöia
e t'ä veuggiu cuntâ
la sfortuna è un cazzo
che vola intorno al sedere più vicino
e questa è la mia storia
e te la voglio raccontare
'n po' primma ch'à a vegiàià
a me peste 'ntu murtä
e questa a l'è a memöia
a memöia du Cigä
ma 'nsci libbri de stöia
Sinán Capudán Pasciá.
un po' prima che la vecchiaia
mi pesti nel mortaio
e questa è la memoria
la memoria di Cicala
ma sui libri di storia
Sinán Capudán Pasciá
E digghe a chi me ciamma rénegôu
che a tûtte ë ricchesse a l'argentu e l'öu
Sinán gh'a lasciòu de luxî au sü
giastemmandu Mumä au postu du Segnü
E digli a chi mi chiama rinnegato
che a tutte le ricchezze all'argento e all'oro
Sinán ha concesso di luccicare al sole
bestemmiando Maometto al posto del Signore
intu mezu du mä gh'è 'n pesciu tundu
che quandu u vedde ë brûtte u va 'nsciù fundu
intu mezu du mä gh'è 'n pesciu palla
che quandu u vedde ë belle u vegne a galla
in mezzo al mare c'e un pesce tondo
che quando vede le brutte va sul fondo
in mezzo al mare c'è un pesce palla
che quando vede le belle viene a galla

Commenti
  • Push Lock
    Push Lock

    Grazie ad Alessandro Barbero per avermi fatto conoscere questa bellissima canzone.

  • Mimmo Colangelo
    Mimmo Colangelo

    CIAO POETA

  • giobronskiJ
    giobronskiJ

    Mi piace un sacco De Andrè, ma ho scoperto questa canzone solo recentemente, leggendo "Il divano di Istanbul" di Barbero. Quindi grazie Fabrizio e grazie Alessandro.

    • Dagow_Bull
      Dagow_Bull

      Io ascoltando una lezione di barbero sull’impero ottomano. Grande prof. Barbero!!

    • Emanuele Della Maggesa
      Emanuele Della Maggesa

      Io leggendo la battaglia dei tre imperi sempre di Barbero

    • Lorenzo Verdile
      Lorenzo Verdile

      Idem!

  • M.Daniela Lunghi
    M.Daniela Lunghi

    nessuno come lui .

  • interabbas
    interabbas

    ةيتسرذهيرسريع يتطرس. ذتستيزس رذهيتس ذتسزيزذنس ذتسزذتس. ذتستيت

  • Hasan Salih Öden
    Hasan Salih Öden

    Esg'den geldik

  • Stefano Rosa
    Stefano Rosa

    Capolavoro!

  • Alfonso D'Auria
    Alfonso D'Auria

    Arrivista? Il ragazzo Scipione Cicala fu rapito da pirati islamici e condannato al remo in alternativa alla decapitazione ,ove avesse voluto rimanere cristiano. Il padre era un valoroso ufficiale agli ordini dell'ammiraglio Andrea Doria. che aveva combattuto in Algeria contro il pirata Barbarossa a rchiesta dell'imperatore Carlo V di Spagna,eletto al trono degli Asburgo nel 1518. Il ragazzo in effetti fece una gran carriera fino a raggiungere la posizione di "Capudan Pascià ",cioè di ammiraglio della flotta ottomana e infine di "gran Visir" primo ministro di Maometto III.

  • Francesco Pata
    Francesco Pata

    Universale Splendida storia. Quando da persona a persona. Convertirsi Non sarà mai peccato. L'uomo è grande se sa stare bene in mezzo ad altri uomini.

  • Miglior Store
    Miglior Store

    Eh no, ma questo pesce palla è incredibilmente selfish e deve essere stigmatizzato...

  • Sandro Montino
    Sandro Montino

    Mi permetto, sommessamente, di dissentire. L'antieroe della canzone del Nostro non è un carrierista. Ha sofferto: ha dovuto vogare, è stato fatto prigioniero; con la faccia nel brodo di farro e nelle ossa il freddo di una notte insonne sul mare, il Cicala è stato l'unico che ha resistito alla tentazione dell'autodistruzione. Ha visto le brutte, si è rifugiato nell'oscurità del fondo. Ha visto le belle, ha ritenuto di riemergere, per lasciare qualcosa agli eredi, per non darla vinta alla malasorte e al cinismo degli uomini. Scettico lui, non cinico. Ha bestemmiato divinità alle quali, accanto a lui, nessuno credeva davvero.

  • Amedeo Severini
    Amedeo Severini

    Ma in che lingua è?

    • Liutprand D. Drang
      Liutprand D. Drang

      Do base è un Genovese antico, ma è arricchito da suoni e parole provenienti da altre lingue del Mediterraneo. Diciamo che è una lingua creata ad arte

    • TinyBreeder
      TinyBreeder

      Genovese, come tutto l'album :)

  • a.batmann
    a.batmann

    beautiful song hello from Turkiye :) hi "Kapudan Sinan Paşa"

  • Rossella Incaprera
    Rossella Incaprera

    "Nel mezzo del mare c é un pesce tondo che nel veder le brutte va sul fondo , nel mezzo del mare c é un pesce palla che nel veder le belle viene a galla .. " Quanto é vero questo detto ...

    • Stefano Adriatico
      Stefano Adriatico

      stupenda..

  • Fulvio Lumachi
    Fulvio Lumachi

    Noi Genovesi non eravamo delle Beline.... e per questo ci hanno fatto sparire......

    • Fulvio Lumachi
      Fulvio Lumachi

      @Miche Vicus proprio così. Ti ringrazio dell'analisi assolutamente vera e pacata con parole garbate e rispettose. Purtroppo tutto vero.

    • Miche Vicus
      Miche Vicus

      @Fulvio Lumachi La fine delle Repubbliche di Genova e Venezia era ineluttabile, anzi è incredibile che siano durate fino alla fine del '700. Con l'emersione dei grandi stati nazionali via via è venuto a mancare lo "spazio" per staterelli e piccole repubbliche (che non avevano la forza militare per resistervi). Genova nel '500 e nel '600 vive grande splendore, ma lo vive sulle ali dell'alleanza commerciale con l'Impero Spagnolo; non a caso con la decadenza dell'Impero Spagnolo decade dignitosamente anche Genova. A inizi '800 Genova (con tutto il rispetto) non dava più fastidio.

    • Fulvio Lumachi
      Fulvio Lumachi

      @Lightning Bulb 800 anni di Repubblica di Genova. Abbiamo dato anche la bandiera all'Inghilterra, ce l'aveva chiesto la Regina, perchè mai i pirati avrebbero osato attaccare navi Genovesi per quanto eravamo rispettati. Piccola Marina da Guerra per difendere i nostri commerci, non una grande potenza militare per guerreggiare ma solo per commerciare. Abbiamo finanziato corti di mezza Europa, soldi che potremmo farci ridare ancora ora. Per tutte queste ragioni, perchè davamo fastidio, col congresso di Vienna, con Genova ormai piccola rispetto a Stati ben piu grossi e popolosi come Inghilterra, Prussia e francia...ci hanno fatto sparire. Annettendoci prima a quei schifosi di savoia e poi all'italia. Ciao.

    • Lightning Bulb
      Lightning Bulb

      @Fulvio Lumachi Sì, avevo intuito... :D Ma cosa vuoi dire con "ci hanno fatto sparire"?

    • Fulvio Lumachi
      Fulvio Lumachi

      @Lightning Bulb Belina? Vuol dire scemo.

  • Antonio Gerardi
    Antonio Gerardi

    La storia riportata in descrizione è totalmente falsa: Scipione venne portato a Istanbul con la famiglia; lì, come molti occidentali, dovendo scegliere se morire cristiano o convertirsi all'Islam ed entrare nel corpo scelto dei giannizzeri scelse (ovviamente) la seconda opzione. Fu un grande marinaio e capo militare, riportando innumerevoli vittorie via mare e via terra tramite numerosi assedi.

    • e.dibra
      e.dibra

      che io sappia nel Islam,diversamente dal Cristianesimo,è proibito costringere sotto minaccia di morte qualcuno a cambiare religione.avevano anche loro i loro metodi: agevolazioni e privilegi per chi accettava l'Islam,e tasse e altre cose,per chi non lo faceva,ma non condanna a morte.

  • Ernesto Cun
    Ernesto Cun

    Andavamo a pesca con questa canzone in sottofondo

  • Andrea Rota
    Andrea Rota

    De André, tu e le tue cazzo di sigarette, adesso saresti ancora qui. Dio solo sa cos'altro avresti potuto scrivere.

    • Padre Patta
      Padre Patta

      @Miglior Store Meno trendi quando sputi i polmoni a causa del cancro

    • Miglior Store
      Miglior Store

      Trovo le sigarette incredibilmente trendy. Dovresti fumarne qualcuna anche tu. Certe botte...

    • Stefano Fi
      Stefano Fi

      Senza il suo tormento probabilmente non avrebbe mai scritto nulla...

    • Vincenzo Viviani
      Vincenzo Viviani

      Cose meravigliose...

  • nizamettin mutlu
    nizamettin mutlu

    Hey gidi Cigalizade Sinan PAŞA!!!

  • Mister Pip
    Mister Pip

    Mi ricorda la trama di Sottomissione, il romanzo di Houellebecq.

    • dante alighieri
      dante alighieri

      E anche calasetta

  • Francesco C
    Francesco C

    nella Nostra pur breve storia - ( 1560 - 2017 Pegli - Tabarka - Carloforte) annoveriamo vari personaggi come il Cicala, a Sigòa. Molte, forse tropppe, relazione coi vicini maomettani - Carloforte Presente

    • dante alighieri
      dante alighieri

      Anche Calasetta vicino all'isola di Carloforte e stata fondata dai genovesi.. infatti anche lì parlano il dialetto genovese... Non mi ricordo molto bene la storia ma c'è tutto scritto se cercate su Google

  • Francesco C
    Francesco C

    Mattu pe Zena mattu pe dunde i zeneizi sun anéti ! Carloforte presente!

  • Beppe Grifo
    Beppe Grifo

    Capolavoro.

  • Mirco Salomone
    Mirco Salomone

    U lea Zeneise

  • gigi einaudi
    gigi einaudi

    Leggetevi qualcosa su Mehmet, su Suleyman, sul Kair ad din Mustafà, sulla presa di Otranto nel 1480 e su un migliaio di decapitazioni per non saper che pesci prendere e capirete il clima coi nostri "amici" ottomani. Purtroppamente a Otranto non c'erano nè genovesi nè veneziani (anzi) ma bisognava aspettare Ferrante da Napoli

    • GianlucaUK
      GianlucaUK

      Amici elettori e soprattuttamente amiche elettrici...

    • cc
      cc

      chi scrive "purtroppamente" senza ironia non merita udienza, né risposta, né rispetto

    • Francesco C
      Francesco C

      Purtroppamente è voce tardo-bizantina o licenza poetica a otto mani ?

  • walt M
    walt M

    Un Cigala era un rinomato trovatore, tutti gli eretici della Provenza e Linguadoca ricevevano asilo a Genova in quanto tessitori e lanaioli e portarono la loro cultura e artigianato a Genova, tanto che nelle piazze genovesi si parlava anche l'occitano.

    • cc
      cc

      ESTICAZZI?

    • walt M
      walt M

      Lorenzo Saccon certamente ho ben compreso, era per figurare la radicalità dei Cicala a Genova

    • Lorenzo Saccon
      Lorenzo Saccon

      walt M qui si parla di sedicesimo secolo, un altro periodo conpletamente

  • darkside
    darkside

    meravigliosa! il pezzo strumentale finale mi fa spiccare il volo!

  • Zaccaria Rossi
    Zaccaria Rossi

    La mia canzone preferita in genovese.....Conosco anche la storia..brano da brividi!

  • Volkan Kumkum
    Volkan Kumkum

    Per chi va a Istanbul, il quartiere che ha fondato Sinan Kapudan pascia viene ancora chiamato con il suo nome in Turco "Cağaloğlu" (Figlio di Cicala) il cuore della stampa turca. Suo padre era un capitano genovese Vincenzo Cicala e la madre era una turca montenegrina di Castelnuovo..

    • Dario Taddei
      Dario Taddei

      Grazie.

    • scarabella74
      scarabella74

      Storie interessanti come queste ce ne sono state parecchie di rinnegati, mammelucchi, persone rapite dai pirati turchi su suolo italico che poi non sono state solo schiavi, ma sono riuscite talora ad assurgere a ruoli di una certa importanza, come in Tunisia per esempio un certo Kheireddine, che cerco di rintracciare le sue origini pertutta la vita, o il Conte Raffo, figlio di un orologiaio ligure che divenne alto funzionario del bey (vicere di Tunisi sotto dominio ottomano) in questo caso senza cambiare la propria religione e il proprio nome o come ancora l avo del presidente tunisino da poco passato a miglior vita, Beji Caïd Essebsi, che manteneva nel cognome quello che era il ruolo di corte del suo avo, rapito dalla Sardegna cioè Caïd el Sebsi, il responsabile del tabacco del bey. Ruolo di grande fiducia, perché il tabacco sarebbe potuto essere avvelenato da qualcuno che voleva attentare alla vita del re. Vivo in Tunisia da qualche anno e mi sto documentando su tutte queste storie....molto interessante...

    • Flaviano Flores
      Flaviano Flores

      @UCAPPLUS ti riferisci a Giovanni Dionigi (Uluc Alí)! Calabrese, fù governatore di Algeri e, a seguito della sconfitta della flotta turca a Lepanto, fu nominato kapudan Pascià dal Sultano.

    • UCAPPLUS
      UCAPPLUS

      @Mattia Tedesco mi pare che le tradizioni calabresi parlino di un altro con un destino simile,ne parla alessandro barbero quando racconta dell'impero ottomano,erano tanti i rinnegati che han fatto fortuna

    • Mattia Tedesco
      Mattia Tedesco

      Tradizioni calabresi ne rivendicano la natalità. Cicala è di tutta Italia, della Turchia e del Mediterraneo insieme.

  • Andrea Di Gennaro
    Andrea Di Gennaro

    Nonostante un arrangiamento minimo, questo capoilavoro scuote i fianchi in maniera irresistibile. Il finale solleva da terra, anzi dal mare. Incredibile.

    • Zaccaria Rossi
      Zaccaria Rossi

      Minimo arrangiamento??? cioè????

  • gorozon
    gorozon

    che fosse Genovese e vero , che fosse un semplice marinaio un po meno visto che era di famiglia nobile dato che ,suo padre era il Visconte Vincenzo Cicala (di professione Corsaro-) Cosi come non venne mai messo al remo dagli ottomani , dato che essendo di nobile famiglia significava la possibilita di un riscatto..

    • Simone Battistini
      Simone Battistini

      Si m così è molto più poetico ;)

    • normanno tommasi
      normanno tommasi

      Dubito che esistano documentazioni ufficiali a riguardo , un conto sono i libri di Storia , un altro è la vita vissuta , le tue affermazioni valgono tanto quelle di chiunque altro. Ammesso che tu non sia stato presente all'epoca.

    • Fullaman stayhidden
      Fullaman stayhidden

      Esistono libri sull´argomento. E´una storia che mi affascina molto: mi sento un´po´rinnegato anche io...

  • Antonella Gotelli
    Antonella Gotelli

    bellissima! ma sapete, che si ispira a una storia vera? Sinan Capudan Pascià, si chiamava Cicala, in genovese siga' , era un marinaio catturato a Gerba, credo dai turchi.

    • A very Creative name
      A very Creative name

      @cc Sì. Divenne poi un Giannizzero sotto Solimano il Magnifico, e si diceva che era un soldato così bravo da parte dei turchi che ad un certo punto l'hanno fatto Gran Visir, che è una delle cariche più alto dell'impero ottomano (e poi finì addirittura per sposare le pronipoti di Solimano). L'unica cosa è che era un po' testardo.... E mi pare (ma non sono 100% sicuro perché non capisco il Genovese) che Fabrizio De André lo dice in questa canzone.

    • cc
      cc

      UH! DAVERO?

  • Luca Testa
    Luca Testa

    Geniale.

  • Beppe Grifo
    Beppe Grifo

    canzone da brividi

Prossimi video